Sul mercato Inglese è disponibile un pc dalle sembianze di una cornice elettronica con caratteristiche, e soprattuto prezzo, molto interessante. (In questo momento a ~ 90€)

Il giocattolo in questione è costruito intorno ad hardware minimale ma si adatta a numerose funzioni piuttosto utili e degne di attenzione, soprattutto se si considerano anche i consumi energetici.

Fuori dal mercato inglese è poco diffuso e sta progressivamente diventando obsoleto (e per lo stesso motivo il prezzo è ovviamente crollato). Non ci è dato di sapere per quanto resterà ancora disponibile in vendita (per il momento è accessibile solo da ebay da pochi venditori paralleli) ma resta un gingillo tecnologico del quale il “tecnomaniaco doc” non dovrebbe poterne fare a meno. 🙂
O2 Joggler

L’O2 Joggler affida i suoi calcoli ad un Intel Atom Z520 , dotato di funzionalità di HT e di 512Kb di cache e opera alla frequenza di 1,33Ghz. (TDP: 2W !!! )

Diciamo che prestazionalmente è comparabile ad un P4 a 2Ghz, che non è poco per molti scopi.

La sezione grafica è basata su Intel GMA500 che sulla carta è in grado di riprodurre flussi H.264/MPEG-4 AVC.

La memoria è di soli 512Mb ed ovviamente non è possibile alcun upgrade. Lo storage è di 1Gb ma puo’ utilizzare una chiavetta USB esterna come espansione dati/boot di altri sistemi operativi. La porta USB supporta tra l’altro la maggior parte degli hub usb, per lo piu’ passivi e in alcuni casi anche alimentati, ed e possibile collegare qualunque dispositivo usb: tastiere, mouse etc. trasformandolo in un vero e proprio micro pc.
Questo è l’aspetto piu’ interessante. L’O2 Joggler puo’ avviare da usb sistemi Linux, Windows XP, addirittura windows 2003 e varie versioni di Android.
Inutili ovviamente se non fosse che è anche dotato di porta una porta Ethernet (Gbit!) e WiFi (802.11b/g/n) !
Gli unici altri connettori presenti sono un uscita jack 2,5′ audio standard ed un connettore di alimentazione per il trasformatore esterno (alimentatore purtroppo venduto con il connettore di rete inglese, per cui necessita di adattatore o modifica artigianale…). Il supporto in metallo dell’apparato funge anche da dissipatore, non molto efficente per la verità; uno degli aspetti piu’ problematici della sua cpu, soprattuto quando si trova a lavorare al limite, è la temperatura di esercizio. Di default a 70° il gingillo va in protezione bloccando tutte le attività quindi è bene non portarlo al limite con operazioni di calcolo superiori alle sue possibilità.

Il display da 7′ integrato, con funzionalità touch di tipo capacitivo (no, purtroppo, non multitouch),   ha un risoluzione nativa dio 800×480 px, dimensioni ormai comuni addirittura sui telefoni piu’ evoluti ma sufficienti per operare senza l’ausilio di mouse e tastiera; per lo meno per le operazioni piu’ comuni.

La dotazione software di base si basa su Ubuntu 8.04 adattata al device ( Linux version 2.6.24-19-lpia  Ubuntu 4.2.4 ) con un frontend in Flash.

Graficamente non eccelsa, sicuramente ottimizzata per il touch e le piccole dimensioni del display, comunque prestazionalmente gradevole.
Tra il software a corredo (o comunque aggiornabile) comprende un browser web Opera, un player per Youtube e Squeeze Play (Logitech Media Player), l’accesso diretto al Calendario di Gmail e Google Maps. Oltre ovviamente al riproduttore di foto e musica mp3 l’O2 è in grado nativamente di riprodurre filmati avi (gli mkv da evitare, per lo meno con l’accesso diretto da usb).

Nascosto tra i menu, sotto un’improbabile “Tools” è inoltre possibile accedere a sorgenti di rete o streaming upnp – dlna attraverso la rete; audio o video che sia, con eccellenti prestazioni.
La sezione audio, pur essendo dotata di 2 speaker posteriori è piuttosto deludente. Praticamente indispensabile la connessione a un sistema di amplificazione o cuffiette.

Molte altre funzioni purtroppo sono destinate al solo mercato Inglese e non funzionanti, o geograficamente poco utili, quando utilizzate dal nostro paese. Sempre che non vi interessi la situazione del traffico in tempo reale dei dintorni di Londra!

La maggior parte delle informazioni rigurado al O2 Jogger e ai mod software-hardware disponibili le potete trovare su Jogglerwiki.
Provare l’O2 con altri sistemi operativi è piuttosto semplice; va recuperata l’immagine del sistema operativo voluto, quindi salvato con il tool opportuno (Win32DiskImager) su una chiavetta usb.

Su Ubuntu, XBMC è assolutamente da provare e vale la pena di scaricare Windows XP anche solo per pura curiosità.Le versioni disponibili di Android sono a mio avviso ancora troppo orientate verso la fonia e con molti software compilati per Arm, esclusi quindi dalla possibilità di vederli funzionare sul nostro O2.

Bene, se non avete ancora premuto “compralo subito” spero sia solo perchè non è piu’ disponibile!
Ora gustatevi qualche video su youtube