sciCome ogni stagione, gli appassionati della neve, rispolverano gli attrezzi da discesa,  dai garage, cantine e armadi. Poi si recano in montagna indossano i loro sci e giù dalle piste.

Purtroppo,  la maggior parte di loro,  senza effettuare nessuna manutenzione preventiva agli sci,  che oggi riveste un importanza veramente di primo ordine. Perchè ? Si chiederanno molti. Prima di tutto per un fattore di sicurezza, sia per noi stessi, che per gli altri; secondo, per sciare con meno fatica e più soddisfazione.  Cominciamo dagli sci ed in particolar modo dagli attacchi di sicurezza che servono a liberare i ns. arti inferiori in caso di caduta.

Gli attacchi di sicurezza dovrebbero essere controllati e tarati ogni stagione da un negozio specializzato. Essi funzionano principalmente grazie a  delle molle che sono montate all’interno dei dispositivi puntale e talloniera,  che vengono regolate secondo il ns. peso (che  può variare da stagione a stagione).  Anche la ns. tecnica se migliora , influisce sulla forza peso che determina il funzionamento degli attacchi di sicurezza. 

Poi la manutenzione delle lamine e della soletta non è da meno.  Le lamine sono molto importanti in quanto permettono allo sci di incidere la neve anche su pendii ghiacciati e molto duri.  Con l’avvento della neve artificiale, addirittura molti modelli di sci di livello avanzato e gara escono dalla fabbrica  non più a 90° , ma con angoli  più acuti , fino a 88° che assicurano una maggiore presa di spigoli.  Le lamine però vengono consumate e gli angoli levigati durante la stagione con l’uso.

 Oltretutto basta l’impatto con qualche pietra presente in pista per , rovinarne il filo e non avere più un attrezzo tagliente ed affidabile.

La soletta se è in perfetto stato assicura una scorrevolezza e quindi manegevolezza dello sci e facilità di conduzione. Questa però deve avere una planarità precisa che viene data in fase di costruzione dello sci in fabbrica o quando viene portato in laboratorio specializzato, per i lavori di manutenzione.

Tra soletta e lamine deve esserci un corretto tuning ossia una differenza in gradi di planarità. Le lamine non sono mai a livello della soletta anche se a noi potrebbe apparire, osservando il fondo dello sci. Ci sono mediamente da – 0,5 °  a -2° di differenza. Questo per evitare allo sci una presa di spigolo troppo rapida che ne impedirebbe la conduzione.  In alcuni sci di alcuni atleti di coppa del mondo di discesa libera, gli sci vengono dati con gradi di tuning molto alti e con lamine meno affilate per poter avere maggiore scorrevolezza e quindi velocità, mentre per gli slalomisti il grado di tuning e minore vicino allo zero per avere una maggior presa di spigolo. Ovviamente sono tutte personalizzazioni affidate agli skiman delle squadre nazionali che le applicano in maniera diversa secondo le caratteristiche tecniche dell’atleta.

  La soletta una volta messa in piano con apposite macchine levigatrici può ancora essere migliorata con un impronta particolare che viene impressa con un altro macchinario, detta anche passaggio dell’impronta a pietra.

In pratica vengono effettuate delle microscalfiture nella soletta che aiutano ad espellere le microparticelle d’acqua che si formano durante lo sfregamento neve-soletta.

Io ho provato, degli sci preparati con impronta, sia sui miei attrezzi , che una volta, su uno sci da gigante di coppa del mondo che mi è stato gentilmente offerto per un test. La differenza di scorrevolezza è abissale tra gli sci preparati e quelli  non hanno subìto questo trattamento.

Gli sci con l’impronta hanno una velocità superiore, minimo del 10-20%   . Effettuati tutte le operazioni di manutenzione della soletta che implica anche eventuali “rattoppi” sui buchi causate dalle pietre, si passa alla fase di sciolinatura che mediamente viene effettuata con paraffine sintetiche “universali” a meno di specifiche richieste che il ns. laboratorio di fiducia potrebbe accogliere.

 Vi sono differenti scioline a seconda delle temperature delle nevi e  quindi delle stagioni. Le scioline sono applicate a caldo e sono miscelabili. Ovviamente l’attrezzo sciolinato non è solo più veloce, ma molto più maneggevole anche a bassissime velocità. La velocità è una componente che dobbiamo tenere sotto controllo con la tecnica e con la scelta del pendio che si va ad affrontare.

Suggerisco ovviamente di non andare a sfidare una pista rossa o nera se non si ha il bagaglio tecnico per affrontarla. Non sarà sicuramente la sciolina a farci ruzzolare, ma probabilmente la nostra tecnica non corretta ed il nostro azzardo.

Tornando al fattore sicurezza , tieniamo conto che le velocità praticabili  sono notevolmente aumentate, grazie i progressi fatti nella scelta dei materiali per la costruzione dagli attrezzi,  alla supertecnica innovativa dagli anni 90 in campo didattico ed alle piste ben levigate più simili ad autodromi che a piste da sci.  Infatti da apposite misurazioni fatte sulle piste con strumenti laser,  sciatori con buona padronanza della tecnica raggiungono in campo libero anche 70-90 Km all’0ra e parliamo di traettorie curve in conduzione durante un superparallelo e non di velocità di punta rilevate in un rettilineo.

Da misurazioni fatti con semplici strumenti gps  in brevi rettilinei (circa 200 mt) con sci da gara modelli da slalom gigante e pendenze da pista rossa si raggiungono facilmente  i 100 km/h.

Ecco perchè più che mai la Sicurezza degli attrezzi riveste un ruolo fondamentale nella manutenzione dello sci.

Ora vediamo come si può eseguire la manutenzione in “casa” dello sci.

Preferibilmente suggerisco di non eseguire quella degli attacchi che è più delicata ed occorre conoscere a fondo la tecnologia e regolazione di ogni singolo modello di attacchi,  ma quella dello sci su cui si può intervenire acquistando alcuni utensili in commercio dal prezzo abbordabile.

Per eseguire la manutenzione ci serve:

– Un tavolino da lavoro a morsa o corredato di 2 morse. (per fissare gli sci cui fare la manutenzione)

– Tiralamine Lime apposite con squadre a gradiente variabile (per affilatura lamine)

– Sciolina e candelette (per la sciolinatura e riparazione soletta)

– Attrezzo per il tuning delle lamine (per differenziare lamine da soletta)

– Goniometro (per misurazione angoli lamine)

– Solvente specifico per solette. (per la pulizia della soletta)

– Spatola in plastica o ferro (per rimessa in piano soletta dopo sciolinatura)

–  Accendino per accendere la candeletta

– Un vecchio ferro da stiro classico a semplice resistenza (non a vapore) oppure sciolinatore elettrico specifico. (per sciolinatura).

– Raschietto (per rimuovere la candeletta fusa in eccesso, dalla soletta dopo riparazione)

 lima regolabile 87°-90°
Tiralamine con Lima regolabile da 87°-90°
goniometro per controllo angolazione lamina
Goniometro per controllo angolazione lamina
 affilatura della lamina IMG_0353

Affilatura della lamina – Dopo aver assicurato lo sci alle morse del tavolo da lavoro si passa alla manutenzione delle lamine :  Tenere ben aderente il tiralamine contro la soletta ed eseguire l’affilatura con movimenti lunghi e omogenei.
L’affilatura va eseguita su tutta la lunghezza dello sci dalla spatola alla coda

IMG_0356
Si può eseguire il tuning laterale delle lamine per una minore e maggiore presa di spigolo. Come spiegato sopra nell’articolo. Utilizzando lo strumento apposito per il tuning.
IMG_0355
Nella figura si può notare il tuning applicabile , tra livello della soletta e livello della lamina. Maggiore sarà l’angolo, minore la presa di spigolo.
IMG_0357
Il tuning va effettuato con molta cura, assicurando lo sci a delle morse perchè ben stabile. Passare lo strumento su entrambe le lamine.

  IMG_0364  IMG_0362

 Una volta eseguita l’affilatura, controllare l’angolo con il goniometro come nella figura precedente e ritoccare con il tiralamine se necessario.
Passare leggermente con carta vetro “doppio zero”, sugli spigoli in punta ed in coda per facilitare il vincolo ad inizio curva e lo svincolo a fine. Altrimenti si potrebbe incappare in internate e spigolate (prese di lamine) non volute, con conseguenti cadute. 
 
IMG_0360 
Con un panno asciutto pulire la superfice della soletta e con un altro versiamo del solvente apposito per la pulizia della soletta.
 
IMG_0359
Pulire accuratamente la soletta con il panno inumidito ed attendere qualche istante che la soletta sia asciutta.
 
IMG_0358
Poi si procede alla manutenzione della soletta.
Con l’apposita candeletta, tappare i fori procurati dalle pietre incontrate sulle piste. Accendere la candeletta con un accendino, far colare la plastica fusa nelle scalfiture. Dopo avere lasciato raffreddare, raschiare il materiale in eccesso con la spatola in ferro e portare a livello della soletta.

sciolinatura a caldo colatura sciolina durante fase sciolinatura a caldo 

 Sciolinatura a caldo: Far colare la sciolina lungo la superfice della soletta dalla punta alla coda

stiratura a caldo sciolina

Stirare la sciolina in modo uniforme: Attenzione a non far stazionare il ferro caldo oltre 2 secondi su un punto fisso dello sci, rischio di danni irreversibili per l’attrezzo. (Scollamento e fusione soletta!!!). Passare il ferro sopra la soletta avanti e indietro come se si trattasse di un indumento in stoffa da stirare. Stirare la sciolina fino a che le gocce presenti sono state sciolte e la superfice si presenta coperta dalla sciolina in maniera uniforme.

messa in piano soletta dopo sciolinatura 

Messa in piano soletta dopo sciolinatura. Asportare il materiale con l’apposito raschietto in plexiglas . Ricordarsi di passare anche il bordo delle lamine per asportare il materiale dagli spigoli, altrimenti le curve saranno pressochè rettilinee con evidenti impatti sugli ostacoli in pista….